Sant’Antonio “De su Fogu” 2016

 In Cultura, On-Demand, Video

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

Anche quest’anno il culto di Sant’Antonio Abate che accomuna i paesi di Ossi e Florinas, festeggiato nei giorni 16 e 17 Gennaio presso la chiesetta campestre del santo, al confine fra i due comuni in località Bore.

La chiesetta campestre in territorio di Ossi ma di competenza religiosa della parrocchia di Florinas è stata il luogo dove da decenni si svolgono i riti e i festeggiamenti in onore di Sant’Antoni “De su Fogu.

“La leggenda narra che Sant’Antoni de su fogu, così com’è chiamato in Sardegna, è il Prometeo della tradizione sarda: colui che rubò il fuoco dall’inferno per regalarlo agli uomini. Ma non fu cosa facile: Sant’Antonio riuscì infatti ad entrare all’inferno grazie all’aiuto del maialino che sempre lo seguiva e a rubare le scintille del fuoco grazie alle proprietà del suo bastone di ferula, che brucia dentro e non si vede fuori.          Ed è per questo gesto così importante che in tantissimi centri dell’isola si accendono e si benedicono i fuochi, rendendo così omaggio a chi ha permesso alle popolazioni sarde di sopravvivere al freddo e alle intemperie.”

La serata si è svolta come da tradizione, dopo la messa del 16 il Parroco Benedice il fuoco “Su Fogarone”, dopodichè la serata continua con la tradizionale Arrostita di carne accompagnata da un sorso di buon Vino e alietata dal Coro Boghes Noas di Ossi e dal Coro di Florinas.

Ecco un anticò racconto in Limbà Sarda:

Nanta ca una borta in su mundu su fogu no nci fiat e is òminis de su frius morìanta. Po cust’arrexoni Sant’Antoni dispràxiu meda fiat e de andai a ddu furai a s’inferru iat detzìdiu. Ita iat fatu intzandus? Acostau si fiat a s”enna de s’inferru, tochendidda po si dda fai oberri, ma is tiàulus no ddu iant lassau intrai.

Intzandus e ita iat fatu issu? Sigumenti s”enna fiat pagu pagu oberta, a su porceddeddu iat nau de s’imbucai lestru. Cosa chi iat fatu. E in cuddu logu a curri si fiat postu, ponendi totu in avolotu. E intzandus Sant’Antoni iat domandau a is tiàulus: “lassai-mi intrai ca depu circai a su porceddeddu po mi ddu pigai torra!”. E diaici is tiàulus ddu iant fatu intrai.

E duncas, una borta intrau Sant’Antoni, a su porceddeddu iat aciapau. A pustis però, faendi biri a is dimònius ca stracu pèrdiu fiat, sa gentilesa de si pasiai acantu a su fogaroni mannu, chi ingunis nci fiat, iat pediu. E aici iat fatu. Ma sigumenti issu fiat acostumau a passillai cun su bàculu de fèrula, a pagu a pagu a su fogu acostau ddu iat, ca sa fèrula aintru bruxat e a foras no si bit.

Saludendi e torrendi gràtzias, cun su porceddeddu e su bàculu si ndi fiat andau, lassendi cussu logu callenti de aundi su fogu nd’iat furau. Aici, in su mundu fiat torrau e su fogu a is òminis iat arregalau, cussu fogu chi a cinciddas fiat, stugiau aintru de su bàculu de fèrula, e chi a fogaroni mannu bessiu ndi fiat po su prexu de is òminis.

Recommended Posts
Contatto Veloce

Modulo di Contatto veloce Scrivici Subito

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search