MAI PIU’ – Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne 2015

 In Articoli, Video
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

La violenza contro le donne è forse la violazione più grave dei diritti umani che conosciamo al giorno d’oggi, oltre a devastare vite, crea fratture nelle comunità e blocca lo sviluppo sociale, culturale e anche economico.
La giornata mondiale contro la violenza sulle donne vuole svegliarci dall’indifferenza, vuole scuoterci dall’assuefazione che corrode il senso critico, giacché non reagendo finiamo, per essere complici del rinsecchimento delle radici del nostro vivere civile. Vuole mettere fine a quel lasciarci scivolare addosso notizie, dati e immagini che turbano nell’immediato, senza però penetrare davvero nelle nostre coscienze.
Il 25 novembre ricorda il terribile assassinio delle tre sorelle Mirabal avvenuto durante il regime domenicano di Rafael Leonidas Trujillo nel 1960. Dal 1999 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha reso istituzionale questa giornata, invitando governi, organizzazioni e media a sensibilizzare la società sulla violenza di genere.
In Italia una donna viene uccisa ogni sessanta ore.
Con la rassegna Mai Più alcuni Comuni del Coros si sono uniti per fare del 25 novembre un momento di riflessione e dibattito aperto a tutti.
Nata nel 2013 dall’intesa fra i comuni di Tissi, Ossi e Olmedo, la rassegna prende ancora più forza e vigore nell’edizione 2014 con l’allargamento ai comuni di Cargeghe, Uri e Usini, e si consolida quest’anno con ancora più fermezza, confermando la partecipazione convinta e ormai irrinunciabile di tutti i comuni coinvolti, tramite la stipula di un protocollo d’intesa che, come pubblico atto, sancisca un impegno formale tra le parti.
Questo spirito apre le porte a una cooperazione e a una unità di intenti fra Comuni, come solo rare volte abbiamo visto.
Lo strumento della concertazione tra Amministratori comunali si pone gli obiettivi di ottimizzare le risorse, creare nuovi e più incisivi modelli di pacchetti promozionali, qualificare e ampliare l’offerta culturale e soprattutto operare una programmazione territoriale intelligente senza sovrapposizioni sterili, che permetta di innalzare il livello qualitativo dei progetti.
La sinergia e la bella intesa venuta a crearsi tra gli amministratori coinvolti, costituisce l’humus per il superamento di inutili barriere e di una visione ristretta e ottusa che vede, nella “difesa” del proprio campanile, un limite alle enormi possibilità che invece vengono a crearsi con atteggiamenti di apertura, confronto e collaborazione. L’unica strada attualmente percorribile e probabilmente già tracciata. Un percorso che intende successivamente aprirsi ad altre realtà.

PROGRAMMA

Domenica 29 Novembre OSSI ore 18:00 Cineteatro Casablanca

Ore 18:00 – Presentazione con la cortese partecipazione del moderatore Franca Mura e saluti dell’Amministrazione Comunale – Assessore alla Cultura
Ore 18:15 – Inizio Lavori:
“EDUCARE ALLA LIBERTA’ … DI ESSERE” –
1° Relatore: Dott.ssa Maria Pasquangela Muresu
2° Relatore: Prof.ssa Maria Franca Campus
3° Relatore: Dott.ssa Ilenia Imberti
Tra un intervento e l’altro:
Intermezzo Musicale a cura di Paolo Carta Mantiglia – clarinettista e Rostyslav Prachun – pianista
Letture sul tema a cura della Consulta Giovanile di Ossi.
Ore 20:00 – Conclusione lavori e abbattimento del “muro della violenza”

Post recenti
Contatto Veloce

Modulo di Contatto veloce Scrivici Subito

Illeggibile? Cambia il testo.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca